domenica 23 ottobre 2011

SUPERSIC

SimoncelliEro lì, come sempre davanti alla televisione con mio padre e i miei nonni a vedere la corsa, quando è successo. E non capivo. Mi sembrava impossibile.




Ma perché le cose più brutte capitano solo alle persone che inseguono i propri sogni, a quelle che vogliono raggiungere un obbiettivo? Dio, se esisti, dimmi perché.
Non è giusto.

lunedì 17 ottobre 2011

Abduction. Ma dimmi perché?

E in testa ho la canzone di Malika Ayane, 'Il giorno in più', e come lei mi viene da dire: Ma dimmi perché? Hai tutto il tempo e il tempo non ti basta,...

Ma dimmi perché mi è venuto in mente di scaricarmi 'sta merda di film! Ah si, il licantropo Jacob (il figo di Twilight che viene brutalmente rifiutato da Bella, quella che ha sempre la stessa espressione in ogni situazione). Mi chiedevo come questo palestrato potesse interpretare un ruolo diverso da quello del lupo-rivale d'amore.


E questo film mi ha deluso profondamente. Cos'altro mi potevo aspettare? A partire dall'inizio! Nathan è un ragazzo che ha qualche problema con i genitori (ad esempio il padre lo picchia sempre giustificandosi dicendo che deve imparare a difendersi). Un giorno, insieme alla vicina di casa (mai cagata prima d'ora), navigando su internet, trova una sua foto da bambino in un sito che si impegna a cercare persone scomparse. Da bravo scemo, chiama il numero del sito, senza sapere che questo è controllato da spie russe, che da anni lo cercano. Subito dopo queste piombano in casa e la fanno esplodere. I genitori muoiono, ma lui, bello e palestrato com'è, si salva insieme alla sua amica. Fuggono altrove e grazie all'aiuto della psicologa di Nathan scoprono che sono ricercati e che Nathan ha una lista importante, un documento pieno di numeri molto utile al nemico.

E da qui ho perso il filo. Era troppo noioso e pieno dei classici stereotipi del film d'azione americano. Una cosa che non sopporto poi è il classico ragazzo di colore che riesce sempre a dare una mano al protagonista, con tanto di battute squallide che dovrebbero suscitare il riso. Odio anche il bacio tra il protagonista e la ragazza della porta accanto (mai cagata prima d'ora, ripeto io).
Assolutamente bocciato, anche per la frase da Facebook "La fiducia va guadagnata". Il che è abbastanza ovvio, ma Taylor e il regista non lo sapevano.

Voto: 1 su 5



Ma dimmi perché? E a proposito ecco la canzone della Mali

lunedì 10 ottobre 2011

Un nuovo mondo

Locandina Terra Nova
Terranova
Genere: Fantascienza
Di: Alex Graves
Con Jason O'Mara, Christine Adams, Byron J. Brochmann.


Camminando a ritmo di Another One Bites The Dust, tornavo a casa con l'intenzione di provare una nuova serie tv : Terra Nova.

Non si può dire che io sia entusiasta, ma non posso nemmeno lamentarmi; probabilmente non la seguirò, perchè direi che non sia il genere che fa per me.


Il pianeta blu è in crisi. C'è sovraffollamento, talmente tanto inquinamento che l'uomo non riesce neanche a contemplare il cielo.
La famiglia Shannon ha infranto la legge, dando vita ad una terza figlia, il che è proibito: il nucleo perfetto è di quatrro persone. Questo comporta gravi conseguenze, infatti il capofamiglia Jim (Jason O'Mara) viene condotto in prigione.
Solo con l'aiuto della moglie, e solo dopo tre anni, riuscirà a liberarsi delle catene, scappando alla volta di un nuovo mondo, Terra Nova, per avere la possibilità di crearsi una nuova vita senza ostacoli che gli impediscano di stare con le persone che ha amato di più.



Il mio parere: piuttosto accattivante all'inizio, ma minuto dopo minuto sembra perdere il suo fascino. Ma piacerà sicuramente a chi ama il genere!

Mi chiedo ancora come può una bambina di sei anni entrare in una zaino. E come può una madre caricare questo zaino senza alcun problema. Mah!



Voto: 2 su 5


In foto i protagonisti di Terra Nova. -
Sembra che Steven Lang di 'Avatar' ( a destra ) reinterpreti lo stesso ruolo da stronzo anche qua!